home

News: Cooperazione esterna

chiudi
 

Giorno

Mese

Anno

 

05/06/2017

Cina-Ue, ok riconoscimento Ig, con eccellenze Italia

Ue e Cina hanno raggiunto un'intesa per pubblicare una lista di duecento indicazioni geografiche, 100 europee e 100 cinesi, che saranno considerate da proteggere, attraverso un accordo bilaterale da concludere nel 2017. L'Italia ha il numero maggiore di specialita' inserite nella lista, 26, che vanno dall'aceto balsamico di Modena alla mozzarella di bufala e a grandi vini come Chianti e Franciacorta. L'accordo e' stato siglato durante il summit economico Ue-Cina

12/05/2017

Cina: Ue, nuovo sistema antidumping non le da' status economia di mercato

Il nuovo sistema antidumping Ue, ancora in via di negoziato e a cui l'Italia ha dato il suo ok, non riconosce alla Cina lo status di economia di mercato (Mes). E' quanto ha assicurato la commissaria Ue Cecilia Malmstroem al termine del Consiglio commercio, che ha fatto il punto sull'ok dato la scorsa settimana dai 28 al mandato per negoziare il provvedimento con l'Europarlamento. 'La Cina non e' assolutamente un'economia di mercato e questa proposta non le da' lo status di economia di mercato', ha sottolineato Malmstroem, ma 'abolisce le liste' di Paesi Mes e non Mes in linea con gli impegni richiesti dal Wto. Con il nuovo sistema, ha assicurato la commissaria, 'tutti gli stati saranno guardati allo stesso modo, ma se la Cina ha distorsioni di mercato sara' probabilmente' oggetto di un rapporto della Commissione Ue che con le regole in via di adozione fara' scattare i dazi antidumping.

27/04/2017

Consiglio Europa, diritti umani mai cosi' poco protetti

Il continente europeo e' in una situazione senza precedenti e a un punto di svolta, forse di non ritorno, per la protezione dei diritti umani. Questo in sintesi l'allarme lanciato oggi da Nils Muiznieks, commissario dei diritti umani del Consiglio d'Europa, durante il suo intervento all'assemblea parlamentare. 'Il 2016 sara' probabilmente ricordato come un punto di svolta critico per i diritti umani in Europa' ha dichiarato Muiznieks 2l. 'L'anno in cui sono state minate le fondamenta del diritto d'asilo a livello nazionale e europeo, l'anno della Brexit, del tentato colpo di stato in Turchia e il conseguente deterioramento del rispetto dei diritti umani in questo Paese, quello delle iniziative che hanno seriamente minacciato lo stato di diritto in Polonia, e l'anno dell'elezione di Donald Trump a Presidente degli Stati Uniti. Per il commissario il 2016 potrebbe segnare o il momento in cui i paesi europei hanno toccato il fondo per poi spiccare un balzo verso un rinnovato impegno per i diritti umani oppure segnare l'inizio della fine del sistema di protezione dei diritti umani e dell'integrazione europea.

24/04/2017

Cina: Italia blocca revisione sistema dazi antidumping Ue

L'Italia ha bloccato la procedura di 'silenzio-assenso' che avrebbe portato all'adozione della revisione del sistema di dazi antidumping nei confronti della Cina proposta dalla Commissione Ue, aggirando di fatto il problema dello status di economia di mercato (Mes). Lo ha annunciato il ministro dello sviluppo economico Carlo Calenda in una nota, dicendosi 'fermamente contrario alla proposta di compromesso della presidenza maltese'. L'Italia, con un atto formale, ha comunicato alla presidenza Ue di turno di essere insoddisfatta del testo, che dovra' cosi' tornare sul tavolo dei 28, prima a livello di ambasciatori la prossima settimana e poi, a inizio maggio, a livello di ministri. 'La proposta della Commissione, anche in questa versione di compromesso, e' debole e di difficile implementazione e rischia di lasciare l'industria europea indifesa verso i comportamenti scorretti', ha sottolineato Calenda, ritenendo quindi 'fondamentale che nel prosieguo dell'iter normativo questa proposta venga sostanzialmente migliorata'.

18/04/2017

Corpo Ue solidarieta', Europarlamento chiede risorse adeguate

Fondi e legislazione adeguati per il Corpo Europeo di Solidarieta' (CES), il progetto comunitario che punta a creare 100 mila opportunita' di volontariato e lavoro per i giovani. A chiederlo e' stato oggi il Parlamento Ue approvando una risoluzione non legislativa in cui si indica espressamente che il finanziamento del CES non deve avvenire a spese di Erasmus+ o di altri programmi Ue. I deputati hanno anche esortato la Commissione Ue a tener conto del grande interesse suscitato dall'annuncio del CES, con piu' di 20 mila giovani che si sono registrati al portale dalla sua inaugurazione, nel dicembre scorso. L'esecutivo comunitario dovrebbe presentare una proposta legislativa a maggio per chiarire la gestione e il finanziamento di questa iniziativa che punta a sostenere i giovani tra i 17 e i 30 anni che svolgono servizi di volontariato da due a dodici mesi nel loro Paese o all'estero.

03/04/2017

Rapporto Fao-Ue: 108 mln persone colpite dalle crisi alimentari

Sono 108 milioni le persone nel mondo che soffrono la fame a causa di conflitti, prezzi record degli alimenti e fenomeni climatici estremi. Il dato, che supera di oltre il 25% quello del 2015 quando le persone colpite erano 80 milioni, emerge dal rapporto congiunto Pam-Fao-Commissione europea sulle crisi alimentari, presentato a Bruxelles. Il 'denominatore comune - spiega all'Ansa il vicedirettore generale della Fao Daniel Gustafson - di queste situazioni e' quasi sempre il conflitto, nei tredici paesi dove le crisi colpiscono il maggior numero di persone, in dieci casi e' la guerra a causare l'insicurezza alimentare delle popolazioni'.

22/03/2017

Avanti con accordo di libero scambio tra UE - Giappone

I negoziati tra Ue e Giappone per concludere un accordo di libero scambio 'sono in una fase decisiva e spero finale': cosi' il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker che si dice fiducioso che il processo possa concludersi entro l'anno. Juncker ha incontrato il premier giapponese Shinzo Abe insieme al presidente del Consiglio europeo Donald Tusk. Un appuntamento, ha detto Tusk, 'per dare una chiara direzione politica ai negoziatori: l'Ue e' pienamente coinvolta per concludere i negoziati quanto prima'. 'Crediamo che questo accordo sia necessario - ha sottolineato ancora Juncker - perche' crediamo in un mercato libero, equo e basato sulle regole. Continueremo a guardare verso il mondo piuttosto che chiuderci nell'isolazionismo'. I negoziatori di Ue e Giappone si vedranno per un nuovo round negoziale a Tokio ad aprile.

09/03/2017

162 Ong scrivono a leader Ue: Cambiate politiche su migranti

Piu' di 162 organizzazioni non governative di oltre 20 Stati, da Oxfam a Save the Children, da Care a International Rescue Committee (Irc), in una lettera aperta indirizzata ai leader Ue, chiedono 'di condurre la risposta alle migrazioni secondo i valori e non la paura'. 'Invece di contrastare la crescita dei populisti xenofobi, la risposta dell'Europa e' stata troppo spesso una copia delle loro ricette - si legge nel documento -. Ma un approccio basato sulla deterrenza e sulla chiusura delle frontiere non puo' prevalere su una politica efficace a lungo termine'. Arrivati al 60mo anniversario dell'Unione europea 'chiediamo di mostrare solidarieta', responsabilita', e rispetto per umanita' e dignita' - si spiega nella lettera -. Solo un'Europa che si schiera veramente con i propri valori puo' essere un leader credibile in un mondo scosso dal populismo crescente e dalle cosiddette 'verita' alternative'.

28/02/2017

Unicef, il Mediterraneo una rotta infernale per i minori

Col rapporto 'Un viaggio mortale per i bambini', pubblicato oggi, l'Unicef lancia un'allerta per sensibilizzare sulla situazione dei minori non accompagnati che dall'Africa arrivano in Europa lungo la rotta del Mediterraneo centrale: abusati, vittime di violenze di ogni genere, sono la categoria piu' a rischio.

15/02/2017

Amnesty, accordo Ue-Turchia su migranti da non replicare

'L'accordo sulla gestione dei profughi tra Ue e Turchia ha lasciato migliaia di rifugiati e migranti in condizioni di vita squallide e pericolose e non deve essere replicato con altri Paesi'. E' la posizione di Amnesty International a poco meno da un anno dall'intesa, che in una relazione dal titolo 'Un modello per la disperazione' documenta anche cio' che indica come 'rimpatri illegali dei richiedenti asilo in flagrante rottura dei loro diritti secondo le leggi internazionali'. L'accordo e' stato un disastro per le migliaia che sono rimaste bloccate in situazioni disperate, pericolose e in un apparente limbo infinito nelle isole greche', afferma Gauri van Gulik, vice direttore dell'organizzazione per l'Europa.

26/01/2017

L'Olanda propone un fondo internazionale per aborto

L'Olanda vuole lanciare un fondo internazionale per compensare il piu' possibile il contraccolpo finanziario causato dalla decisione della nuova amministrazione americana di Donald Trump di non finanziare le ONG internazionali che sostengono l'aborto. Il ministro olandese per la Cooperazione allo sviluppo, Lilianne Ploumen, 'lancera' l'iniziativa di un fondo internazionale per fornire alle donne nei Paesi in via di sviluppo l'accesso a una buona informazione, ai contraccettivi e all'aborto'. Perche' 'proibire l'aborto non porta a un minor numero di aborti, ma a piu' pratiche irresponsabili in luoghi segreti e a una maggiore mortalita' materna'. 'Dobbiamo compensare il colpo finanziario il piu' possibile, con un fondo largamente sostenuto, che possa essere finanziato da governi, aziende e organizzazioni sociali', ha aggiunto il ministro, 'affinche' le donne possano restare padrone del proprio corpo'. Ploumen ha annunciato che nei prossimi giorni contattera' i propri omologhi in Europa e in America Latina per raccogliere consensi.