home

News: Commercio

chiudi
 

Giorno

Mese

Anno

 

27/06/2017

Commercio: allarme Ue, nel 2016, aumento del 10 per cento del protezionismo

Il protezionismo e' in crescita nel mondo, dove nel 2016 si e' registrato un aumento del 10 per cento di barriere commerciali, pari a 36 nuove misure per un totale di 372. La maggior parte di queste sono originate da Paesi che appartengono al G20, in particolare da Russia, Brasile, Cina e India. L'Ue pero' l'anno scorso e' riuscita a far rimuovere 20 ostacoli pari a 4,2 miliardi di esportazioni con Cina, Corea del Sud, Ucraina e Israele. E' quanto emerge dal rapporto annuale della Commissione Ue sulle barriere al commercio e agli investimenti. 'Vediamo chiaramente che la piaga del protezionismo e' in aumento' ed 'e' preoccupante che i Paesi del G20 stiano mantenendo il piu' alto numero di barriere commerciali', ha affermato la commissaria al commercio Cecilia Malmstroem, ribadendo la determinazione dell'Ue a rispondere. 'L'Europa non stara' a guardare e non esistera' a usare gli strumenti a disposizione quando i Paesi non rispettano le regole', ha avvertito, ricordando che il tema sara' affrontato al G20 di Amburgo con l'obiettivo di passare dalle parole ai fatti.

17/02/2017

Il CETA aiutera' le famiglie ed i lavoratori

Justin Trudeau ha cercato di sfoggiare il suo sorriso piu' convincente davanti agli eurodeputati. Giovedi' il primo ministro canadese ha fatto il suo ingresso nell'emiciclo a Strasburgo, per rassicurare gli animi inquieti di coloro che diffidano dal CETA, il trattato di libero scambio tra Unione europea e Canada. Mercoledi' l'assemblea ha approvato il testo dell'accordo, ma le preoccupazioni sulle sue conseguenze sociali rimangono.

10/01/2017

Tokyo vuole l'accordo commerciale con l'Ue entro il 2017

Tokyo, secondo alcune fonti, punta a chiudere l'intesa il prima possibile, prima della fine del 2017. Il Paese asiatico e' particolarmente interessato ad arrivare a un esito positivo,,anche alla luce del probabile fallimento del Partenariato Trans-Pacifico (Tpp), l'accordo di libero scambio che il presidente eletto Usa Donald Trump avversa. Allo stesso tempo, pero', l'elezione di Donald Trump negli Stati Uniti ha messo in pericolo il futuro dell'intesa che copre 12 paesi tra cui Usa, Giappone, Messico, Peru' e Cile. Il miliardario ha spesso manifestato la sua contrarieta' agli accordi di libero scambio mondiali.